Mar. Abr 23rd, 2024

Alcalá Opina intervista i candidati a sindaco di Alcalá de Henares per le prossime elezioni municipali del 28 maggio. Le interviste si concentrano esclusivamente sul loro programma elettorale e non trattano l’attualità, dando ai sindaci la possibilità di spiegare, senza limiti di tempo, le loro proposte per il prossimo quadriennio.

In ordine di voto alle elezioni del 2019, i candidati rispondono a quattro blocchi di domande -Lavoro, Urbanistica, Sicurezza e Cultura/Turismo/Feste- oltre a un quinto blocco, più riassuntivo, su Giovani, Anziani e Sport.

Il candidato di Ciudadanos per il Consiglio comunale di Complutense, Miguel Ángel Lezcano, ha scelto la Plaza de Palacio come cornice per la sua intervista, che può essere vista integralmente presso il filmato in alto.

Lezcano è ancora una volta in testa alla lista del suo partito, una lista che è «la più Alcala che esiste tra tutte quelle che sono state rappresentate, perché rappresenta ognuno degli aspetti della vita sociale di Alcalá de Henares. Non ho cercato amici, non ho cercato quote di potere, non ho cercato, come fanno altri partiti, di sviluppare in base ai consigli cosa governare o meno. Inoltre, devo essere grato che nessuno di quelli sulla mia lista mi abbia mai chiesto quale numero volessero”.

Occupazione: «Il PGOU genererà molti posti di lavoro»

Nel primo blocco dell’intervista, quello relativo all’occupazione, Lezcano afferma che “la disoccupazione quest’anno è già diminuita dell’8,76%. Abbiamo raggiunto i 20.000 disoccupati e siamo riusciti a scendere a 10.000. Dal dipartimento per lo sviluppo economico, la formazione e il lavoro, diretto anche dalla nostra collega Teresa Obiol, si sta facendo un enorme lavoro di formazione e sviluppo. Questa formazione, oltre a tutte le misure economiche per sostenere gli imprenditori e la situazione di Alcalá de Henares, alla fine fanno sì che gli investitori prestino attenzione alla nostra città. E questo crea occupazione».

In questo senso, per il candidato arancione, il Piano urbanistico generale è “indispensabile” per creare occupazione. “Che ne esca dipende dalla Comunità di Madrid, perché se dipendesse dal Comune sarebbe già in corso. Ciò genererà molti posti di lavoro, molti investimenti con posti di lavoro in R+S+I, cioè posti di lavoro stabili con un futuro che possono fare di Alcalá un motore generatore di posti di lavoro per l’intera area”.

In termini di aziende, Ciudadanos si impegna a qualsiasi tipo di azienda che possa venire in città, anche se “sono aree completamente diverse. Le PMI e i lavoratori autonomi, per noi, sono fondamentali, proprio come le grandi aziende. Quello che voglio è che Alcalá abbia un lavoro e che la gente di Alcalá non debba andarsene da qui. Che i nostri giovani non debbano partire perché, in più, abbiamo giovani sufficientemente preparati. Sono un fervente sostenitore di ciò che la collaborazione pubblico-privato può generare. Ad esempio, se un Google viene da me domani e mi metterà in mille posti di lavoro, faciliterò tutto ciò che posso fare affinché questo tipo di aziende venga nella nostra città”.

Urbanistica: «Un Palazzo dei Congressi per 3.000 o 4.000 persone»

Per quanto riguarda le grandi opere, nella precedente legislatura il partito arancione aveva già proposto un grande Centro Congressi e Congressi per la città. “Qualcosa che non abbiamo potuto avviare a causa del debito e quello che abbiamo fatto è stato investire in progetti, diciamo, più urgenti. Ora arriva la fase dei grandi progetti. Il sito più ideale per il Palacio de Congresos è la vecchia fabbrica Roca, abbiamo già un pre-accordo con il quale verranno generati 250 posti auto. Che questo centro congressi genererebbe in seguito quasi 2.000 posti auto, oltre ai 250 già approvati, che andrebbe a beneficio dell’intero centro e dei quartieri circostanti e che sarebbe un motore di attrazione perché sappiamo tutti che c’è molto domanda di congressi. Roca sarebbe il luogo ideale ed è sulla buona strada con questo preaccordo per una struttura che ospita circa 3.000 o 4.000 persone”.

In un altro ordine di cose, Lezcano presenta un programma che comprende un parco lineare con terrazze paesaggistiche, oltre a una stazione degli autobus sempre a La Garena. Il primo progetto consisterebbe in “sei terrazze che scavalcano il binario del treno. È un modello molto europeo che genera spazi di convivenza molto piacevoli per pedoni e veicoli”. D’altra parte, la scommessa arancione passa anche attraverso «non un concetto di semplice stazione degli autobus, ma un concetto di stazione intermodale simile a quella di Avenida de América, che alla fine non funziona solo per noi, gente di Alcalá, ma per tutto l’ambiente. Inoltre, pensiamo che il luogo ideale sarebbe La Garena”.

Un finanziamento che, come molte delle opere degli ultimi mesi, potrebbe arrivare dai Fondi europei. Alcuni giochi in cui, secondo Lezcano, «Alcalá è in testa, essendo la città della Comunità di Madrid, togliendo la capitale, che riceve più fondi».

Sicurezza: «Gli uomini d’affari non hanno l’insicurezza che avevano qualche anno fa»

Del terzo blocco, Lezcano sottolinea che si tratta di un «consiglio prioritario», infatti già nel suo programma elettorale del 2019 voleva unire l’ufficio del sindaco con il Consiglio di sicurezza. per me è una scommessa fondamentale perché una città che non si sente sicura incide su tutto, anche economicamente. In questo momento i commercianti di Calle Mayor o dei diversi quartieri non hanno quella percezione di insicurezza che avevano qualche anno fa, anzi. Il Dipartimento per la Sicurezza dei Cittadini, alla fine, è importantissimo per il resto dei territori e li influenza sempre tutti, motivo per cui è così importante da essere strettamente legato all’ufficio del sindaco”.

Per Lezcano “dobbiamo investire ancora molto di più. Abbiamo circa 260 agenti di polizia locale. Penso che una forza lavoro ideale sarebbe di circa 320-325 uomini per una popolazione come quella che abbiamo. Perché sono anche in perfetto coordinamento con la Polizia di Stato. In effetti, siamo una delle poche città che hanno stazioni di polizia comuni. Ho un modello che ha funzionato molto bene ed è un ufficio di coordinamento chiamato CEPIC che fornisce un maggiore coordinamento tra tutte le forze di sicurezza. Questo qualcosa che avvantaggia la Polizia. E credo che sia necessario riformare una serie di aspetti molto tecnici, cosa che siamo disposti a fare”.

A proposito degli incidenti dell’ultimo sabato delle Fiere, il sindaco afferma che «sebbene sembrasse che qui ci fosse una battaglia campale, e in un certo senso c’è stata, guarda una città di 200.000 abitanti, con tutto quello che dovrebbe essere successo , per Naturalmente, non ci sono stati morti come dichiarato e solo quattro agenti di polizia sono rimasti feriti.

Ed è che, secondo le sue parole, “il modello di polizia che Alcalá de Henares ha attualmente con quella sicurezza e quel controllo sulle bande è essenziale. È un lavoro che non si vede, ma c’è. Ad esempio, abbiamo telecamere di sicurezza in punti altamente conflittuali che consentono alla polizia di intervenire sul momento”.

Cultura, turismo e feste: «Percorrendo l’arena e il parco tematico Cervantino»

Nel quarto blocco, il programma Ciudadanos sorprende con la proposta per la creazione di un Parco Tematico Cervantino di cui «ovviamente, va fatto uno studio preventivo», afferma il candidato. Tuttavia, è impegnato in questa misura che “attirerà economia, turismo e sarà un asse e un motore a beneficio della città. Cervantes è ben radicato nella nostra letteratura, con i suoi Premi, o nella cultura, ma vogliamo renderlo tangibile per le scuole e per tutti i residenti e turisti di Alcalá che vogliono visitarlo”.

Per quanto riguarda il disuso dell’arena ‘La Estudiantil’, per Lezcano «è un problema che deve essere spiegato alla gente di Alcalá, con uno sfortunato contratto che il signor Bartolomé González ha fatto con un uomo d’affari a cui ha ceduto quell’arena per 50 anni senza fare spettacoli per molto tempo. Spettacoli che non sono né previsti né attesi, questa è la realtà”.

“La nostra idea –continua Lezcano- è negoziare per recuperarlo e farlo per qualcosa. Che sia un asse fondamentale, che possiamo coprire l’arena e quindi ospitare eventi durante tutto l’anno, eventi di ogni genere”.

Un’altra delle proposte del programma della festa arancione in termini di cultura e turismo è creare la Passione viva della Settimana Santa ad Alcalá de Henares. “Dobbiamo iniziare un progetto in modo che abbia un futuro e in due o tre anni si consolidi fino a quando non esplode e diventa effettivo. Quindi la Passione in diretta, che prima si faceva nella parrocchia di Santiago e alla fine dovevamo farla in due giorni per la grande affluenza di pubblico che aveva, sarebbe stata il modello. Vedo quella Passione vivere di nuovo con la gente di Alcalá, come Don Juan, e la vedo ricreata nel Palazzo Arcivescovile con i visitatori e la gente di Alcalá che se la gode. Questo, alla fine, rende grande la Settimana Santa”, spiega Lezcano.

Anziani, giovani e sport: «Chiedi alla Comunità ciò di cui ha bisogno Alcalá»

Nell’ultimo blocco, Lezcano rivede la sua proposta per la creazione di un servizio di geriatria nei centri di assistenza primaria. Qualcosa che «è responsabilità della Comunità di Madrid» ma «in questo momento è fondamentale e più a causa della piramide della popolazione che ha Alcalá de Henares. Inoltre, dobbiamo cambiare il modello di residenza, recuperare il vecchio ambulatorio della Val come centro di media e lunga degenza. Sono poteri della Comunità di Madrid, ma dobbiamo chiedere ciò che è giusto e ciò di cui Alcalá ha bisogno”.

Per quanto riguarda i giovani, sono diverse le proposte che Ciudadanos sborserà nella campagna elettorale. Anche se uno di questi si distingue per la sua novità ed è la creazione di un team di eSports (sport elettronici). Il candidato afferma che “nello sport si è generato un mondo virtuale in quanto è una vera e propria professione. Quello che vogliamo è che i nostri giovani abbiano sbocchi professionali e, invece di giocare solo per divertimento, vedano le opportunità che questo comporta e creino una squadra in quel campionato professionistico che possa insegnare ad altri giovani il percorso per trasformarlo in una professione .qualcosa che fino ad ora è solo giocoso”.

Infine, nello sport, il consiglio che attualmente tiene la sua festa, Lezcano rivede come “tutto ciò che non andava è stato risolto. Non solo a livello di campo, ma sono stati generati tanti nuovi spazi sportivi. Inoltre penso che con i club si sia instaurato un dialogo permanente perché alla fine sono loro che segnano un po’ la linea delle loro esigenze».

Minuto d’oro: «Lascia che Alcalá guardi al futuro con piani chiari per lo sviluppo della città»

“Abbiamo scoperto che, nel 2015, la gente di Alcalá ci ha messo quando non esistevamo. E, nel 2019, ci hanno premiato come leader dell’opposizione. La cosa facile allora era criticare tutto, dire quanto è cattivo il sindaco e quanto è cattivo l’amministrazione comunale, che sbaglia tutto. Ci siamo trovati con una pandemia e siamo stati l’unico partito che ha teso la mano, essendo leader dell’opposizione, alla squadra di governo affinché la gente non morisse e affinché Alcalá soffrisse il meno possibile economicamente, come è successo. Che si possa investire anche sulla città e che la città abbia un futuro rispetto ad altri modelli”.

In questo momento corriamo il rischio che ad Alcalá de Henares ritorni il modello PSOE -che è forte- con Podemos o parte della sinistra. Oppure un Partito Popolare al quale torniamo e troviamo casi di corruzione, ancora, e che siamo sui media per scandali e con 300 milioni di euro di debiti. Va ricordato che coloro che hanno fatto parte di quegli scandali tornano nella lista del Partito Popolare. Da quel lato, l’unico che può far concentrare Alcalá, che abbiamo mostrato una buona gestione, che abbiamo dimostrato che possiamo far uscire Alcalá da quel debito storico di 300 milioni, è Ciudadanos.

“Devi capire che, se Ciudadanos uscirà forte, Alcalá sarà stabile, sarà concentrato e vorranno investire perché gli investitori vorranno venire ad Alcalá de Henares. Se venissero fuori gli estremi che il Partito Popolare rappresenta o che il PSOE può rappresentare con Podemos, ad Alcalá torneremmo di nuovo a una battuta d’arresto abissale. Uno per la battuta d’arresto degli estremi di sinistra e un altro perché si ritornerebbe a casi di corruzione, malgoverno, debito. Pertanto, Ciudadanos è l’unico che può garantire che Alcalá ha un passato, che ha saldato tutti quei debiti, che tiene a mente, come abbiamo dimostrato, e che guarda al futuro con piani chiari per lo sviluppo della città.



Aquí va lafuente para saber más.

Por Juan Manuel González López

Juan Manuel González López, nacido en Alcalá de Henares, es un periodista español especializado en información deportiva. Ha trabajado para varios medios de comunicación en España, como El País, Marca y AS. González López comenzó su carrera profesional en el departamento de deportes del diario El País, donde trabajó durante cuatro años. A continuación se incorporó a la plantilla del diario deportivo Marca como reportero. Tras dos años en Marca, se trasladó a AS, otro diario deportivo y amplió su registro periodístico.